celiachia-e-diabete

Esiste una correlazione tra celiachia e diabete mellito di tipo 1?

Esiste una correlazione tra diabete e celiachia? È questa la domanda a cui cerchiamo di rispondere nel nostro articolo. La comparsa contemporanea di queste patologie potrebbe essere legata all’interazione di fattori genetici e ambientali, come le infezioni virali o il precoce inserimento nella dieta di alcuni alimenti. I pazienti con DMT1 rappresentano una categoria ad alto rischio di sviluppo celiachia. L’elevata frequenza dei casi e l’esistenza di quadri clinici sfumati, infatti, rendono necessario uno screening accurato e periodico.

Che cos’è la celiachia

La celiachia è una malattia autoimmune causata da un’intolleranza permanente al glutine, proteina collante presente nella maggior parte dei cereali (come il farro, l’orzo, il frumento e la segale). L’assunzione di glutine, anche in forma di contaminazione provoca nei soggetti celiaci una risposta immunitaria di tipo autodistruttivo. Se non trattata con una rigida dieta di esclusione, questa patologia comporta una grave infiammazione dell’intestino tenue (fino all’atrofia dei villi), che non è più in grado di assorbire i nutrienti assunti con il cibo.

 

Che cos’è il diabete di tipo 1

Il diabete mellito di tipo 1 (DMT1) è una malattia autoimmune causata dalla produzione di anticorpi che attaccano le cellule pancreatiche deputate alla produzione di insulina, l’ormone che regola l’utilizzo di glucosio da parte delle cellule e il suo conseguente utilizzo come fonte energetica. La conseguenza di questa mancata regolazione consiste nell’iperglicemia, ovvero un eccesso di glucosio nel sangue. Oltre alla necessità di ricorrere a periodiche iniezioni di insulina, i soggetti affetti da diabete di tipo 1 devono osservare una dieta controllata, in particolar modo per quanto riguarda l’assunzione di carboidrati e zuccheri semplici.

Correlazione tra celiachia e diabete di tipo 1: teorie e studi

Celiachia e diabete mellito di tipo 1 hanno molte cose in comune. Alcune statistiche evidenziano che una importante percentuale di celiaci (il 3-6%) durante la propria vita tende a sviluppare anche il DMT1 e viceversa. Ma cosa c’è alla base di questa correlazione?
Al momento, a parte l’evidenza che entrambe derivano da un malfunzionamento del sistema immunitario, non esiste ancora una teoria unanimemente accettata su correlazione e coesistenza di celiachia e DMT1.

Secondo alcuni studi, la loro compresenza potrebbe essere legata all’alterazione di fattori genetici e fattori ambientali. Le due patologie, infatti, condividono alcuni dei geni ritenuti responsabili dei disturbi (DQ2 e DQ8). Inoltre le ricerche avrebbero rilevato che le infezioni virali o il precoce inserimento nella dieta di particolari alimenti (come il latte vaccino e i cibi contenenti glutine) potrebbero causare l’innesco del processo autoimmune.
Altre ricerche sostengono invece una reciproca causalità: ad esempio, potrebbe essere proprio la celiachia latente e non diagnosticata ad innescare ulteriori meccanismi di difesa autoimmuni, scatenando il diabete mellito.

Necessità di screening accurato e periodico

Pur non essendo stata ancora confermata un’unica teoria comune, i diversi studi convergono sull’evidenza di una relazione tra le due patologie. Per questo motivo, alla diagnosi di una, segue solitamente il consiglio di effettuare lo screening periodico per l’altra. Infatti nei casi di DMT1, vista la possibilità che la celiachia si presenti in maniera silente e asintomatica, è fondamentale effettuare subito le  opportune analisi per capire se si è celiaci, al fine di individuare tempestivamente l’insorgere della patologia ed intervenire subito con l’adeguamento del regime alimentare.

Alimentazione in caso di celiachia e diabete di tipo 1

Dal momento che entrambe le patologie condizionano l’alimentazione del paziente, la compresenza di diabete e celiachia comporta un ulteriore irrigidimento del regime alimentare.

Oltre ad eliminare i prodotti contenenti glutine, infatti, una persona diabetica affetta da celiachia dovrà regolare ulteriormente anche l’assunzione di zuccheri semplici e carboidrati, senza eccedere, di conseguenza, con grassi e proteine. Per agevolare questo tipo di dieta, oggi in commercio esistono molti prodotti senza glutine, come la linea Equilibrio di Giusto, con un apporto limitato di zucchero e grassi.